Cosa dovresti fare con i rifiuti elettronici?

Dicembre 17, 2020
Lo scarico di rifiuti elettronici ha portato a materiali tossici che contaminano l'ambiente e le comunità circostanti.
I rifiuti elettronici e i suoi componenti tossici stanno contaminando le discariche e le comunità in tutto il mondo

Ora più che mai, siamo tutti consapevoli degli impatti ambientali negativi causati dai nostri stili di vita moderni. Tuttavia, quando si tratta di riciclaggio, la maggior parte delle persone tende a pensare principalmente alle bottiglie di carta e plastica che mettiamo nei nostri bidoni per il riciclaggio sul marciapiede ogni due settimane. Si presta poca attenzione al riciclaggio dei prodotti elettronici e, di conseguenza, l'escalation dei rifiuti elettronici (rifiuti elettronici) è diventata una questione di importanza globale e la necessità di riciclo elettronico sta crescendo in modo esponenziale.

Questo articolo esplorerà cosa succede all'elettronica che non vogliamo più, perché i rifiuti elettronici sono un problema globale e i passi che possiamo intraprendere per affrontare il problema.

Cosa sono i rifiuti elettronici e il riciclaggio elettronico?

I rifiuti elettronici si riferiscono a tutti i prodotti elettronici che hanno raggiunto la fine della loro vita utile percepita. Esempi comuni di rifiuti elettronici includono telefoni cellulari, computer, televisori, monitor, stampanti e microonde. Tuttavia, la definizione si estende a qualsiasi prodotto dotato di batteria o spina.

Sebbene questa tecnologia offra innegabili vantaggi tra cui intrattenimento, convenienza ed efficienza, le attuali tariffe e mezzi di smaltimento dei prodotti elettronici sono semplicemente insostenibili.

Perché i rifiuti elettronici sono così dannosi per l'ambiente?

Molti prodotti elettronici includono componenti che contengono risorse preziose, alcune delle quali sono ritenute tossiche e pericolose. Il processo di riciclaggio elettronico prevede la conversione di questi prodotti di rifiuti elettronici in materiali riutilizzabili. Recuperando i numerosi componenti di valore e rimuovendo materiali potenzialmente pericolosi e tossici, il riciclaggio elettronico impedisce a questi inquinanti di finire nelle discariche e di avere un impatto negativo sull'ambiente.

In attesa di riciclaggio in un impianto di trattamento dei rifiuti elettronici

I monitor CRT, ad esempio, possono essere una reliquia del passato, essendo stati sostituiti da monitor a LED, tuttavia contengono piombo tossico, cadmio, bario e polveri fluorescenti che penetrano nel terreno e nei corsi d'acqua e inquinano l'aria delle discariche che essi finiscono per incidere sulla salute degli ecosistemi e, di conseguenza, delle persone vicine.

Qual è l'entità dell'impatto?

La città di Guiyu, in Cina, era una volta considerata la capitale mondiale dei rifiuti elettronici, con circa il 70% dei rifiuti elettronici mondiali che passavano attraverso la città a un certo punto sulla strada per essere riciclati. Probabilmente non è nemmeno una coincidenza che le donne di Guiyu avessero una probabilità sei volte maggiore di subire aborti e il 70% dei bambini presentava livelli malsani di piombo nel sangue. Il governo cinese ha riconosciuto gli effetti dannosi che queste pratiche hanno causato alla loro gente e le città di tutto il paese vengono ripulite nel tentativo di risolvere il problema.

I costi ambientali dei rifiuti elettronici sono evidenti e sono accompagnati da costi economici significativi.

Secondo il monitoraggio globale dei rifiuti elettronici delle Nazioni Unite (2020), un record di 53.6 milioni di tonnellate metriche di rifiuti elettronici è stato generato in tutto il mondo nel 2019, con aspettative di raggiungere 74 milioni di tonnellate entro il 2030. Solo il 17.4% (53.6 milioni di tonnellate metriche) di che è stato raccolto per il riciclaggio, lasciando un valore stimato di $ 57 miliardi (USD) di materiali preziosi e di alto valore (oro, argento e rame per citarne alcuni) da finire in discarica, nonostante siano recuperabili nel processo di riciclaggio.

Il riciclaggio elettronico è la risposta?

Mentre la Cina ripulisce nella sua "guerra contro l'inquinamento" e continua ad accettare e trattare meno rifiuti elettronici del mondo, sorge la domanda: dove vanno a finire tutti i rifiuti elettronici? La sfortunata verità è che viene reindirizzato ad altri paesi in via di sviluppo come Thailandia, Cambogia, Ghana e India, dove gli sforzi di riciclaggio elettronico sono in gran parte informali e spesso primitivi. Questi impianti di trattamento dei rifiuti non ufficiali sono tra i principali responsabili dei danni ambientali causati dai rifiuti elettronici poiché spesso scaricano illegalmente o in modo non etico ciò che non possono più riciclare.

Il riciclaggio elettronico rimane il modo migliore per smaltire i nostri dispositivi elettronici indesiderati, ma è necessaria una maggiore regolamentazione su scala globale affinché abbia successo. Dobbiamo garantire che tutti i riciclatori elettronici stiano facendo la cosa giusta per l'ambiente e le loro comunità.

Come possiamo essere parte della soluzione?

I rifiuti elettronici sono una parte inevitabile della nostra vita moderna e con l'aumento dei redditi e degli standard di vita nel mondo in via di sviluppo, è chiaro che il volume crescente dei rifiuti elettronici diventerà sempre più difficile da gestire.

C'è una soluzione immediata che può fermare il problema alla fonte. Questa soluzione semplice ma efficace a cui tutti possono assistere è la riduzione e il riutilizzo di beni elettronici che altrimenti avremmo buttato via. Dobbiamo cambiare il nostro atteggiamento nei confronti della sostituzione di elementi che non devono essere sostituiti come l'aggiornamento dei telefoni cellulari ogni anno. Dovremmo anche riconsiderare la necessità di buttare via oggetti come televisori o computer che potrebbero essere riparati.

Se scegliamo di ignorare tutte le bandiere rosse sull'impatto ambientale dei rifiuti elettronici, le nostre risorse naturali si esauriranno presto, l'ambiente e la salute della popolazione ne risentiranno e la produzione elettronica come la conosciamo sarà costretta a cessare.

Hai domande?

Per saperne di più sui materiali pericolosi, come gestirli, i modi migliori per conservarli e come smaltirli in modo sicuro con un impatto minimo sull'ambiente o per richiedere SDS o etichette per grandi quantità di sostanze chimiche, chiamare Chemwatch al numero (03) 9773 3100 . 

Fonte:

Richiesta veloce