Talidomide: dal farmaco miracoloso al disastro medico.

Febbraio 24, 2021

La tragica storia della talidomide è uno dei casi più famigerati di un apparente farmaco miracoloso trasformato in disastro medico, le cui conseguenze devastanti sono ancora presenti oggi.

Da dove viene la talidomide?

Il farmaco fu rilasciato per la prima volta nel 1957 dalla società farmaceutica tedesca Chemie Grünenthal e commercializzato come sedativo non barbiturico e da banco. Subito dopo il suo rilascio, è risultato essere efficace nel trattamento di raffreddori, influenza, nausea e nausea mattutina nelle donne in gravidanza. Ciò ha conferito alla talidomide la sua reputazione di "farmaco miracoloso" e ne ha determinato una maggiore popolarità e un uso diffuso.

I medici dell'epoca non sapevano che la prescrizione di talidomide a donne in gravidanza avrebbe provocato uno dei più grandi disastri medici della storia moderna. Oltre 10,000 bambini nati da madri che avevano usato il farmaco hanno sperimentato una serie di gravi effetti sulla salute. Inoltre, si ritiene che un gran numero di aborti sia stato causato dal farmaco.

Come è successo? 

I farmaci moderni sono soggetti a più livelli di test antidroga in studi clinici e su animali prima di essere approvati per l'uso umano, ma questo tipo di test antidroga rigorosi non si è verificato a metà del ventesimo secolo. 

Di conseguenza, l'uso della talidomide è stato approvato in gran parte sulla base dei risultati di un test principale, il test LD50 (il test della dose letale 50), che misura la tossicità. Più specificamente, misura la velocità con cui una sostanza ucciderà un gruppo di 60-100 animali. Gli scienziati hanno scoperto che era quasi impossibile somministrare agli animali una dose letale di talidomide e, come tale, la talidomide era considerata sicura per l'uso in una serie di dati demografici, comprese le donne incinte. Questa tragica generalizzazione è stata fatta nonostante l'assenza di test specifici su questo particolare gruppo di persone. 

La dott.ssa Frances Oldham Kelsey, farmacologa della FDA responsabile per l'approvazione delle licenze dei farmaci negli Stati Uniti, ha respinto la richiesta per l'uso e la distribuzione della talidomide negli Stati Uniti. Aveva dubbi riguardo alle segnalazioni di neuropatia periferica in coloro che assumevano il farmaco, nonché ai suoi potenziali effetti sul feto data la mancanza di test. A causa della decisione del dottor Kelsey, gli Stati Uniti non sono stati direttamente coinvolti nella crisi del talidomide. 

Nel 1962, l'emendamento sull'efficacia dei farmaci fu introdotto alla FDA. Questo emendamento richiede alle aziende farmaceutiche di fornire la prova che il loro farmaco è efficace e sicuro prima dell'approvazione e che la pubblicità dei farmaci rivela tutti gli effetti collaterali.   

La talidomide è classificata come teratogena e causa difetti alla nascita se assunta da donne in gravidanza.
La talidomide è classificata come teratogena e causa difetti alla nascita se assunta da donne in gravidanza. 

Quali sono gli effetti della talidomide sul corpo?

La talidomide colpisce più parti del corpo, inclusi gli arti, la vista, l'udito, gli organi interni e il cervello.

Un segno distintivo della talidomide è la focomelia degli arti superiori, caratterizzata da uno sviluppo improprio delle ossa lunghe degli arti. Di conseguenza, le mani possono essere attaccate direttamente alle spalle e i piedi al bacino. Le dita possono anche mancare o fuse insieme.

Altri effetti sulla salute includono l'assenza o la malformazione dell'orecchio esterno, che può provocare sordità o problemi di udito. Gli effetti sugli occhi indotti dalla talidomide includono occhi di piccole dimensioni, assenza di bulbo oculare e scarsa visione. 

È mai sicuro somministrare talidomide a donne in gravidanza?

Inizialmente, si credeva che il farmaco fosse dannoso per l'embrione solo se assunto da 20 a 37 giorni dopo il concepimento. Era considerato sicuro se assunto prima o dopo questo periodo. Tuttavia, studi successivi hanno scoperto che l'esposizione precoce nei ratti induceva aborto spontaneo e l'esposizione tardiva portava a danni cerebrali. Quindi, nonostante le prove precedenti, non esiste un periodo sicuro per assumere il farmaco durante la gravidanza.  

Interruzione dell'uso di talidomide

Poiché la talidomide ha avuto una così ampia varietà di effetti sulle persone, ci sono voluti molti anni a medici, ricercatori e altri professionisti medici per trovare la connessione tra tutti questi effetti e il farmaco stesso. 

A causa dell'uso diffuso del farmaco - è stato venduto in 46 paesi, con almeno 37 nomi commerciali diversi - ci sono voluti cinque anni per abbinare i sintomi apparentemente non correlati a una singola causa. 

Una volta rivelati i devastanti effetti collaterali, la talidomide è stata ritirata dagli scaffali tedeschi nel 1961 e subito dopo il Regno Unito ha seguito l'esempio. Sfortunatamente, il farmaco è rimasto negli armadietti dei medicinali di tutto il mondo con i suoi vari nomi commerciali per molti anni. 

Thalidomide è stato venduto con vari nomi commerciali, inclusi Kevadon, Contergan e Thalomid.
Thalidomide è stato venduto con vari nomi commerciali, inclusi Kevadon, Contergan e Thalomid. 

A cosa serve oggi la talidomide?

Nonostante il suo passato controverso, la talidomide è ancora usata oggi, anche se non per lo stesso motivo o nello stesso modo in cui veniva usata una volta. 

Oggi il farmaco viene utilizzato per trattare due importanti problemi medici: la lebbra e il mieloma multiplo, un tipo di cancro del sangue. Le sue proprietà antinfiammatorie lo rendono adatto al trattamento delle lesioni cutanee create dalla lebbra. Le sue proprietà anti-angiogeniche lo rendono efficace nel prevenire la crescita e le metastasi dei tumori cancerosi. 

Se un medico decide che la talidomide è il corso corretto di trattamento, i pazienti ricevono un pacchetto informativo e sono tenuti a firmare un modulo di consenso che accetti i termini di assunzione del farmaco. Se una donna sta assumendo il farmaco, deve usare due forme di contraccezione e sottoporsi a regolari test di gravidanza. Se un uomo sta assumendo talidomide, deve indossare un preservativo durante il sesso. 

La sospensione della talidomide a causa dei suoi effetti sulle donne in gravidanza purtroppo non ha messo fine ai bambini nati con problemi di salute correlati alla talidomide. In Brasile, dove il farmaco è usato per curare la lebbra, fino a 1,000 persone sono nate con la sindrome talidomide da quando il farmaco è stato ritirato dall'uso tra le donne incinte negli anni '1960. 

Secondo Claudia Marques Maximino, presidente dell'Associazione brasiliana delle vittime della sindrome da talidomide (ABPST), ciò è dovuto principalmente all'analfabetismo e alla mancanza di istruzione. Il disegno di una donna incinta con una croce sopra appare sui contenitori del farmaco come avvertimento a non assumere talidomide in caso di gravidanza. Sfortunatamente, alcune persone hanno interpretato male questa immagine nel senso che il farmaco ha aiutato l'aborto. Queste persone hanno assunto il farmaco durante la gravidanza, sperando che potesse indurre un aborto spontaneo e questo ha portato al proseguimento delle nascite con talidomide in Brasile.

La storia della talidomide non è nuova e, 63 anni dopo il fatto, serve ancora come un ricordo devastante dell'importanza di test antidroga accurati e approfonditi.

Chemwatch è qui per aiutarti

In caso di domande sulla sicurezza, lo stoccaggio e l'etichettatura dei prodotti chimici, non esitare a farlo contattaci. Il nostro personale cordiale ed esperto attinge a anni di conoscenza ed esperienza per offrire le informazioni più recenti del settore e consigli su come rimanere al sicuro e rispettare le normative chimiche.

fonti:

Richiesta veloce