Arcobaleni: cosa sono, come si formano e cosa hanno a che fare con le pentole d'oro?

Luglio 21, 2021

Sappiamo tutti che gli arcobaleni vengono dopo la pioggia, ma cosa sono esattamente gli arcobaleni? Come funzionano e da dove viene la storia della pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno?

In questo articolo condivideremo alcune risposte a queste domande.

Come sono fatti gli arcobaleni?
Come sono fatti gli arcobaleni?

Cos'è un arcobaleno?

Gli arcobaleni sono fenomeni meteorologici. Sono anche un'illusione ottica; gli arcobaleni in realtà non esistono in nessun posto. Il loro aspetto dipende interamente dalla posizione e dalla direzione della fonte di luce (di solito il sole), dalle nuvole e da dove ti trovi rispetto a loro. 

Un arcobaleno è in realtà un cerchio completo, ma da terra si può vedere solo la metà dell'arcobaleno. In un aeroplano, se le condizioni sono giuste, a volte è possibile vedere l'intero arcobaleno circolare. 

Come si formano gli arcobaleni?

Gli arcobaleni hanno bisogno di determinate condizioni meteorologiche per formarsi, in particolare una fonte di luce e gocce d'acqua nell'aria. Questo è il motivo per cui di solito compaiono dopo che ha piovuto. Se sei mai andato in giro con gli irrigatori o hai innaffiato il giardino, potresti aver visto gli arcobaleni formarsi nelle gocce d'acqua. 

Il sole, o un'altra fonte di luce, deve essere dietro di te e il cielo deve essere sgombro dalle nuvole affinché tu possa vedere un arcobaleno. 

Come fa un arcobaleno a prendere i suoi colori?

Sebbene sembri che la luce del sole sia un colore (bianco), in realtà è composta da molti diversi colori di luce combinati. La luce viaggia attraverso le sostanze in onde e, quando la luce bianca del sole entra in una goccia d'acqua, queste onde rallentano facendo piegare l'onda luminosa. Questo è noto come rifrazione. 

Se colpisce la goccia esattamente ad angolo retto, la luce rifratta viene riflessa dal retro della goccia invece di attraversarla direttamente. Torna indietro nel modo in cui è venuto e quando emerge ancora una volta dalla goccia, la luce si diffonde ancora di più e si separa nei suoi colori componenti. Questa è chiamata dispersione e si verifica perché le onde che compongono i colori componenti della luce bianca hanno tutte diverse dimensioni d'onda, note come lunghezze d'onda. 

A seconda della sua lunghezza d'onda, ogni colore della luce si piega in misura maggiore o minore quando emerge dalla gocciolina. La luce rossa ha la lunghezza d'onda più lunga e si piega di meno, mentre la luce viola ha la lunghezza d'onda più corta e si piega di più. 

Questo non solo conferisce all'arcobaleno i suoi colori, ma assicura anche che vengano visualizzati sempre nello stesso ordine. 

I sette colori visibili dell'arcobaleno appaiono sempre come rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco, viola. Ci sono anche migliaia di altri colori e sfumature invisibili all'occhio umano.

Quanto possono diventare grandi gli arcobaleni?

La dimensione di un arcobaleno è determinata dall'indice di rifrazione delle gocce d'acqua, che è una misura di quanto rallentano le onde luminose quando entrano nelle gocce d'acqua. Una goccia d'acqua con un indice di rifrazione più alto si tradurrà in un arcobaleno con un raggio più piccolo. Ad esempio, l'acqua salata ha un indice più alto dell'acqua dolce, quindi gli arcobaleni di spruzzi marini sono più piccoli degli arcobaleni d'acqua dolce. 

Cosa causa un doppio arcobaleno?

A volte, se sei davvero fortunato, puoi vedere due arcobaleni nel cielo contemporaneamente. Il secondo arcobaleno, che si trova sopra l'arcobaleno primario, è solitamente più debole ed è il risultato di una seconda riflessione all'interno della goccia. La luce "riflessa" lascia la goccia con un'angolazione diversa, risultando in un arcobaleno invertito con il viola in alto e il rosso in basso. 

E la pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno?

Da dove viene questo racconto popolare comune? Le origini del mito che ci sia una pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno non sono chiare. Diversi racconti includono questa idea e tutti coinvolgono folletti, ma ci sono più versioni di come l'oro sia finito lì. 

Un racconto abbastanza comune riguarda i vichinghi. Dopo aver invaso l'Irlanda, i Vichinghi rubarono oro e gioielli alla gente e seppellirono il tesoro in luoghi sconosciuti. Quando se ne andarono, i folletti, visti nel folklore come diffidenti nei confronti degli umani, seppellirono l'oro saccheggiato dai Vichinghi in fondo agli arcobaleni, quindi gli umani non avrebbero mai potuto raggiungerlo.

Molte storie folkloristiche raccontano di una pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno.
Molte storie folkloristiche raccontano di una pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno.

I racconti erano così comuni che la frase una pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno è diventata un idioma che si riferisce a sogni difficili da realizzare. E trovare una pentola d'oro significa realizzare le tue speranze e i tuoi sogni. 

Chemwatch è qui per aiutarti

Per aiutarti con i tuoi sogni di raggiungere il gold standard della gestione dei prodotti chimici, non cercare oltre Chemwatch. Con oltre 30 anni di esperienza, lo staff di Chemwatch è qui per aiutarti con le tue esigenze di etichettatura, SDS, mappatura termica e valutazione del rischio. Per ulteriori informazioni su uno qualsiasi dei nostri servizi o per vedere come possiamo aiutarti, contattaci al 9573 3100 o all'indirizzo vendite@chemwatch.net.

Fonte: 

Richiesta veloce