Perché la tua bottiglia di bevanda potrebbe ucciderti

30 Marzo 2022

Mentre le bottiglie di plastica monouso sono state giustamente evitate dai consumatori e le bottiglie riutilizzabili per bevande hanno preso il loro posto come nave del giorno, è importante ricordare che non sappiamo ancora tutto sulla plastica e sugli effetti che possono avere sulla salute. Le bottiglie d'acqua di plastica (sia usa e getta che riutilizzabili), in particolare, sono ora sottoposte a un esame accurato del Journal of Hazardous Materials. Continua a leggere per scoprire cosa potrebbe davvero essere in agguato nella tua bottiglia prima di bere il tuo prossimo sorso.

Monouso vs riutilizzabile: qual è la differenza?

Sebbene esistano molti tipi diversi di plastica, sono tutti realizzati con un materiale di base:petrolchimici. Questi sono manipolati in catene lunghe e ripetute chiamate polimeri, che poi può essere scaldato e pressato nei vari contenitori sagomati e prodotti che conosciamo fin troppo bene. I produttori utilizzeranno anche altri additivi per indurire o stabilizzare. La plastica più comunemente usata per i contenitori per bere è polietilene. Questo materiale può essere modificato variando la lunghezza e l'allineamento delle catene polimeriche, che determina qualità come durezza, resistenza al calore e densità.

La plastica monouso è una preoccupazione fondamentale per gli ambientalisti, poiché è un inquinante molto comune negli oceani e nei corsi d'acqua.
La plastica monouso è una preoccupazione fondamentale per gli ambientalisti, poiché è un inquinante molto comune negli oceani e nei corsi d'acqua.

La maggior parte della plastica monouso è realizzata in polietilene a bassa densità o LDPE. I prodotti in LDPE sono spesso morbidi e flessibili, trasparenti e molto leggeri da trasportare. Una bottiglia in LDPE è abbastanza forte da contenere la tua bevanda per un giorno, ma dopo un uso prolungato può deteriorarsi e rompersi. Le bottiglie per bevande riutilizzabili, d'altra parte, sono spesso realizzate in polietilene ad alta densità, o HDPE. Questo materiale è molto più robusto dell'LDPE, oltre che più resistente al calore, il che lo rende una scelta desiderabile per le bottiglie riutilizzabili di acqua e bevande sportive.

Quello che sappiamo sulla plastica riutilizzabile

10 anni fa, BPA– o bisfenolo A, un composto chimico che imita le proprietà degli estrogeni quando viene consumato, è diventato una parola d'ordine nell'industria delle bottiglie di plastica. Oltre ai prodotti petrolchimici, il BPA veniva spesso utilizzato come elemento costitutivo nella produzione di plastica e poteva filtrare dalla bottiglia nella bevanda dopo l'uso. La plastica priva di BPA divenne quindi un importante punto di vendita per i produttori, anche se potevano essere utilizzate altre varianti di bisfenolo (BPS o BPF), con effetti simili di interruzione del sistema endocrino.

Tuttavia, nelle ultime settimane i ricercatori dell'Università di Copenaghen hanno scoperto che ci sono più sostanze chimiche nell'acqua in bottiglia di quanto si pensasse in precedenza. Due chimici danesi hanno scoperto che, dopo sole 24 ore, l'acqua rimasta in una bottiglia riutilizzabile conteneva più di 400 sostanze diverse, comprese sostanze mai viste prima nella plastica. Questo è stato testato su bottiglie vecchie e nuove, nonché su plastica biodegradabile oltre al polietilene standard. Lo studio è stato anche in grado di determinare che le lavastoviglie esacerbano la lisciviazione chimica, dalla combinazione di calore e detersivi, che aumenta le sostanze misurate a oltre 3500. 

L'identità di molte di queste sostanze chimiche deve ancora essere determinata e, tra le sostanze chimiche conosciute, la tossicità non è stata ben studiata. Le sostanze chimiche conosciute trovate includono dietiltoluamide (DEET)–un ingrediente attivo che si trova in un repellente per insetti–così come fotoiniziatori, che sono sospettati cancerogeni. I risultati mostrano quanto poco sappiamo veramente di quali sostanze chimiche vengono lisciviate dalla plastica anche in un breve periodo di tempo. I ricercatori chiedono ulteriori studi su queste sostanze e una maggiore responsabilità da parte dei produttori per ridurre al minimo gli additivi nocivi e i prodotti di degradazione.

Alternative alle bottiglie di plastica

I contenitori di metallo sono una delle alternative più facilmente disponibili alla plastica. Sono estremamente robusti, non si degradano a causa dell'esposizione al calore, sono riciclabili al 100% e possono essere leggeri da trasportare se a parete singola. La migrazione delle particelle di metallo nell'acqua è trascurabile, non più delle pentole per la casa, anche se alcune persone riferiscono un leggero sapore metallico. Alcuni produttori rivestono le loro bottiglie di metallo con plastica o resina per mitigare questo sapore, quindi assicurati di stare alla larga da quelle se vuoi evitare qualsiasi potenziale lisciviazione chimica.

Le bottiglie per bevande in metallo sono generalmente realizzate in alluminio o acciaio inossidabile
Le bottiglie per bevande in metallo sono generalmente realizzate in alluminio o acciaio inossidabile

Il vetro è una scelta molto popolare tra gli operatori sanitari. È meno probabile che i detersivi si attacchino al vetro ed è naturalmente inerte, il che significa che le reazioni nascoste non si verificheranno all'interno della tua bottiglia se viene lasciata piena d'acqua. Il loro più grande svantaggio è che si rompono più facilmente dell'acciaio o dell'HDPE. Il vetro infrangibile esiste, ma è più difficile da trovare e spesso è più costoso di altre opzioni.

Le bioplastiche, come acido polilattico (PLA), sono in produzione ormai da diversi anni come alternativa alla plastica monouso. Sono realizzati con materiali biologici rinnovabili e sono spesso compostabili. Sfortunatamente, molte bioplastiche non sono sufficientemente robuste per resistere all'uso continuo e, anche se lo fossero, la possibilità che i composti migrino nell'acqua residua non è ben studiata.

Chemwatch è qui per aiutarti

Non sei sicuro dei migliori contenitori per i tuoi prodotti chimici? Siamo qui per aiutare. In Chemwatch abbiamo una gamma di esperti che copre tutti i campi della gestione delle sostanze chimiche, dallo stoccaggio di sostanze chimiche alla valutazione del rischio, alla mappatura termica, all'eLearning e altro ancora. Contattaci oggi per saperne di più su vendite@chemwatch.net

Fonte:

Richiesta veloce