Qual è il problema con i rifiuti di plastica?

25 Maggio 2022

Il volume di plastica nei nostri oceani, e in tutto il più ampio ambiente naturale, è immenso e aumenta ogni giorno. Con la rapida diffusione della consapevolezza e i potenziali pericoli e rischi discussi più apertamente nel forum pubblico, rimane la domanda d'oro: qual è il modo migliore per arginare questa crisi ambientale esplosiva? E come sottoargomento, come regge davvero il riciclaggio della plastica?

Ci sono quanto plastica?!

Come pianeta, produciamo circa 300 milioni di tonnellate di plastica all'anno e la produzione rappresenta quasi il 10% del consumo mondiale di petrolio greggio. Il Plastic Disclosure Project delle Nazioni Unite stima che il 33% di tutta la plastica prodotta viene utilizzata una sola volta. 

Mentre il destino della maggior parte della plastica risiede nelle discariche e negli inceneritori, i rifiuti non raccolti rappresentano il 22% di tutti i rifiuti di plastica, di cui 8 milioni di tonnellate entrano nei nostri oceani all'anno. Per un contesto visivo, immagine un camion della spazzatura delle dimensioni di New York che deposita il suo bottino nell'oceano ogni minuto di ogni giorno per un anno intero. 

Quello che possiamo vedere dalla superficie dell'oceano rappresenta solo il 5% di tutta la plastica nell'oceano.  

Cosa si può fare?

Si stima che i prodotti in plastica durino fino a 500 anni senza rompersi e, secondo l'OCSE, solo il 9% della plastica viene riciclato ogni anno. Si tratta di una piccola quantità rispetto ad altri materiali riciclabili come vetro (25%), metalli (35%) e carta (65%). Circa la metà di tutta la plastica finisce nelle discariche, ma ci sono indubbiamente alternative migliori.

Incenerimento

Bruciare rifiuti di plastica e sfruttare l'energia risultante può sembrare un'alternativa allo scarico. Riduce i rifiuti che finiscono nelle discariche e negli oceani e il calore generato può produrre vapore per il consumo energetico domestico, in alternativa ai combustibili fossili grezzi. Tuttavia, circa il 10-15% della massa totale di plastica bruciata diventa cenere tossica, rilasciata nell'aria che respiriamo. 

L'incenerimento della plastica può rilasciare nell'atmosfera sostanze chimiche tossiche come diossine, furani, mercurio e policlorobifenili.
L'incenerimento della plastica può rilasciare nell'atmosfera sostanze chimiche tossiche come diossine, furani, mercurio e policlorobifenili.

Questi prodotti in cenere di plastica possono danneggiare l'ambiente e la salute umana, oltre a contribuire a fattori di cambiamento climatico.

Plastiche biodegradabili

Abbiamo tutti sentito il consiglio di "ridurre, riutilizzare, riciclare" la nostra plastica, ma ciò ricade sugli individui, piuttosto che sulle industrie. Con infrastrutture di riciclaggio ancora carenti in molte regioni, la produzione di massa di plastica biodegradabile o compostabile sembra l'alternativa migliore. Tuttavia, i prodotti biodegradabili non sono ancora ben regolamentati e il termine "biodegradabile" non è molto ben definito. 

La plastica biodegradabile può essere prodotta sia da materiali biologici rinnovabili che da combustibili fossili. In condizioni appropriate, questi possono essere scomposti tramite enzimi e microbi per trasformare grandi polimeri in molecole molto più piccole come metano, anidride carbonica e acqua. Solo circa l'uno per cento della plastica totale prodotta è biodegradabile o a base biologica.

Un malinteso è che le plastiche biodegradabili siano le stesse delle bioplastiche. Questo non è vero. Realizzate con materiali di origine vegetale anziché petrolio, le bioplastiche sono viste come un'alternativa rinnovabile alla plastica tradizionale. Uno dei maggiori contendenti è l'acido polilattico, o PLA, che può essere prodotto con mais o canna da zucchero. Tuttavia, il PLA può ancora accumularsi nelle discariche se non viene smaltito correttamente. Può decomporsi entro tre mesi in condizioni di compostaggio industriale, ma in una discarica tradizionale potrebbero comunque volerci dai 100 ai 1000 anni, in modo simile alla plastica tradizionale.

Riciclo meccanico

Il riciclaggio meccanico tradizionale suona come dovrebbe essere molto semplice, ma, in realtà, è costoso e richiede tempo con scarso guadagno complessivo. I prodotti in plastica possono essere fusi per essere ricostituiti, ma devono essere puliti a fondo e ordinati in base al tipo di polimero in anticipo.

Esistono sette categorie principali di resina plastica: PET, HDPE, PVC, LDPE, polipropilene, polistirene e altro.
Esistono sette categorie principali di resina plastica: PET, HDPE, PVC, LDPE, polipropilene, polistirene e altro.

Oltre ai problemi logistici, un altro problema posto dal riciclaggio meccanico è che il prodotto finale raramente è buono come i suoi componenti. Ogni ciclo di fusione e rimodellamento può causare imperfezioni e debolezze nel prodotto finale, consentendo solo pochi utilizzi prima di doverlo infine scartare.

Riciclo chimico

Mentre si bruciano rifiuti di plastica tecnicamente una sorta di conversione chimica, i nuovi sviluppi hanno trovato il modo di recuperare più della semplice energia termica. 

Il riciclaggio chimico catalitico e pirolitico può spezzare le lunghe catene polimeriche della plastica in monomeri (singole unità da cui si formano i polimeri) e recuperarli completamente in nuovi polimeri o altre sostanze chimiche. Questo è diverso dal fondere la plastica in pellet e rimodellarla in prodotti utilizzabili. La riformazione dei polimeri a livello molecolare consente di ignorare le impurità e di ottenere prodotti di alta qualità dal processo più e più volte. 

I costi e la praticità del riciclo chimico della plastica su scala propriamente industriale non sono ancora del tutto noti, ma forse il problema della plastica sta per essere risolto definitivamente. Speriamo!

Chemwatch è qui per aiutarti

Preoccupato per il destino delle tue sostanze chimiche? Siamo qui per aiutare. In Chemwatch abbiamo una gamma di esperti che copre tutti i campi della gestione delle sostanze chimiche, dallo stoccaggio di sostanze chimiche alla valutazione del rischio, alla mappatura termica, all'eLearning e altro ancora. Contattaci oggi per saperne di più su vendite@chemwatch.net

Fonte:

Richiesta veloce