Un'introduzione al database SCIP dell'ECHA

Giugno 22, 2022

Le sostanze estremamente problematiche vengono spesso trascurate una volta che un prodotto ingegnerizzato ha raggiunto la fine del suo ciclo di vita. L'elenco delle sostanze problematiche nei prodotti (SCIP) dell'ECHA si sforza di informare i disassemblatori e gli operatori dei rifiuti dei rischi chimici presenti in questi prodotti, che potrebbero non essere stati divulgati in precedenza. I requisiti di segnalazione dell'ECHA significano che la banca dati può fornire informazioni dettagliate sui pericoli delle parti del prodotto, nonché l'ubicazione del pericolo all'interno dei prodotti.

L'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) è l'agenzia principale per supervisionare tutte le cose relative alla gestione delle sostanze chimiche nell'Unione europea. Fanno rispettare la regolamentazione della classificazione e dell'etichettatura, ricevono notifiche sui centri antiveleni e controllano le sostanze estremamente problematiche (SVHC) all'interno dei prodotti venduti sul mercato dell'UE. Gli SVHC sono altamente regolamentati a causa del loro potenziale rischio per la salute umana o per l'ambiente. I prodotti ingegnerizzati contenenti SVHC devono essere segnalati all'ECHA per essere inseriti nell'elenco delle sostanze problematiche nei prodotti. 

Continua a leggere per saperne di più sul database e sui tuoi requisiti di segnalazione all'ECHA.

Perché esiste SCIP

Sotto la bandiera del segreto commerciale, le aziende manifatturiere spesso mantengono riservata l'esatta composizione chimica dei loro prodotti, quindi qualsiasi divulgazione di sostanze pericolose era in precedenza a discrezione dei produttori. 

SCIP è stato messo in atto dall'ECHA per combattere questo problema, assicurando che chiunque sia coinvolto nella manipolazione di materiali pericolosi o relativi sia informato sui potenziali rischi. Ciò è particolarmente pertinente per gli operatori dei rifiuti che devono manipolare o smontare prodotti ingegnerizzati. Spesso non sono informati sull'esistenza e sulla posizione di sostanze chimiche pericolose nascoste all'interno.

Ad esempio, il cadmio viene utilizzato come rivestimento sacrificale sui materiali per ridurre al minimo la corrosione del prodotto sottostante e il piombo viene spesso utilizzato nei componenti elettrici. Sia il piombo che il cadmio hanno effetti dannosi sulla salute umana. 

Tutti gli articoli contenenti >0.1% p/p di una sostanza chimica elencata SVHC nel componente più piccolo del prodotto devono essere segnalati all'ECHA.
Tutti gli articoli contenenti >0.1% p/p di una sostanza chimica elencata SVHC nel componente più piccolo del prodotto devono essere segnalati all'ECHA.

L'elenco SCIP serve ad aiutare i consumatori e gli operatori dei rifiuti a essere consapevoli dei materiali a cui potrebbero essere esposti. È inoltre in atto come meccanismo per eliminare gradualmente o sostituire questi materiali pericolosi nei prodotti, nonché per ridurre al minimo il percolato tossico dai prodotti di scarto che finiscono nelle discariche. 

Cosa ti dice lo SCIP

Il database SCIP condivide la stessa infrastruttura del database delle sostanze registrate ed entrambi segnalano materiali pericolosi. Tuttavia, il database delle sostanze registrate esamina esclusivamente le singole sostanze chimiche elencate, mentre SCIP esamina i prodotti ingegnerizzati e i loro componenti, all'interno dei quali possono essere trovati materiali pericolosi.

Lo SCIP consente agli utenti di cercare i componenti attraverso una serie di modi per massimizzare l'efficacia. È possibile perfezionare le ricerche in base all'identificatore dell'articolo/numero di riferimento, alla categoria dell'articolo, alla categoria del materiale, alla sostanza o alle sostanze estremamente problematiche, alla preoccupazione/motivo dell'inclusione o semplicemente alla ricerca in base al numero SCIP. Una volta trovato il tuo prodotto, puoi trovare i componenti elencati e gli eventuali SVHC all'interno.

Una pompa dell'acqua registrata SCIP può essere scomposta nei suoi componenti elencati e i materiali pericolosi all'interno di tali componenti possono essere facilmente identificati e localizzati.
Una pompa dell'acqua registrata SCIP può essere scomposta nei suoi componenti elencati e i materiali pericolosi all'interno di tali componenti possono essere facilmente identificati e localizzati.

Requisiti di segnalazione

I produttori, gli assemblatori e i distributori di prodotti fabbricati all'interno dell'UE sono tenuti a notificare all'ECHA se i loro prodotti contengono SVHC. Per i prodotti fabbricati al di fuori dell'UE ma immessi sul mercato dell'UE, spetta all'importatore notificare all'ECHA eventuali componenti pericolosi, per conto e con il supporto di produttori non UE.

Tutti i prodotti contenenti >0.1% p/p di una sostanza chimica elencata SVHC nel componente più piccolo deve essere segnalato all'ECHA per essere inserito nell'elenco SCIP. La soglia viene spesso scambiata per >0.1% dell'intero prodotto, ma questo non è accurato. Sono esenti i prodotti con componenti sotto soglia. 

Per una guida più dettagliata sui requisiti di reporting per la tua azienda, Yordas Insight fornisce Una guida pratica al database SCIP. Questo corso include risorse di apprendimento per aiutarti a comprendere i requisiti di SCIP, identificare le tue lacune nei dati, essere consapevole delle sfide dei dati e delle potenziali soluzioni e identificare una strategia di raccolta dei dati.

Come notificare

Una guida passo passo su come caricare i prodotti su SCIP può essere trovata nel ns webinar su questo stesso argomento. In breve, tuttavia, puoi registrare i prodotti creando il file IUCLID tramite ECHA Cloud Services o dalla tua applicazione desktop o server IUCLID, aggiungendo i componenti del prodotto e gli elementi di interesse. Una volta completato il file IUCLID, è possibile generare un fascicolo sul portale dell'ECHA e inviare la notifica. Se è necessario inviare in blocco, l'ECHA offre anche servizi automatizzati da sistema a sistema.

È importante che i notificanti si prendano il tempo necessario per affrontare tutti i componenti contenenti SVHC, poiché l'efficacia del database dipende dalla qualità dei suoi dati. I problemi sorgono quando le richieste non includono identificatori specifici di articoli (compresi i dettagli del produttore) o non individuano in modo specifico dove il pericolo (e quindi il rischio) si trova nel prodotto. Se un prodotto o una parte non si trova, spesso viene scambiato per “sicuro”, che non rispecchia la realtà. 

Chemwatch è qui per aiutarti

In Chemwatch gestiamo il nostro database completo di sostanze chimiche e normative, basato su oltre 30 anni di esperienza nel settore chimico, e siamo ben attrezzati per aiutarti con i rapporti obbligatori. Abbiamo anche una libreria di webinar passati che coprono le normative di sicurezza globali, la formazione sul software, i corsi accreditati e i requisiti di etichettatura. Tieni d'occhio il nostro Webinar calendario per i prossimi Webinar, Mini Brief e video di formazione ChemXpress.

Fonte:

Richiesta veloce