Bollettino 20 novembre 2020

In primo piano questa settimana

Ossido di zinco

L'ossido di zinco è un composto inorganico con la formula ZnO. La ZnO sintetica viene utilizzata principalmente come polvere bianca insolubile in acqua o naturalmente come zincite minerale. La polvere è ampiamente utilizzata come additivo in numerosi materiali e prodotti tra cui plastica, ceramica, vetro, cemento, gomma (ad esempio, pneumatici per auto), lubrificanti, vernici, unguenti, adesivi, sigillanti, pigmenti, alimenti (fonte di nutriente Zn), batterie, ferriti, ritardanti di fiamma e nastri di pronto soccorso. ZnO si presenta come polvere bianca nota come bianco di zinco o come minerale zincite. Il minerale contiene solitamente manganese e altre impurità che conferiscono un colore da giallo a rosso. L'ossido di zinco cristallino è termocromico, cambia da bianco a giallo quando riscaldato e nell'aria torna bianco quando si raffredda. Questo cambiamento di colore è causato da una piccola perdita di ossigeno nell'ambiente ad alte temperature per formare lo Zn non stechiometrico1 + xO, dove a 800 ° C, x = 0.00007. L'ossido di zinco è anche un ossido anfotero. È quasi insolubile in acqua e alcol, ma è solubile nella maggior parte degli acidi (degradato dalla), come l'acido cloridrico. [1]        


Scarica l'intero PDF qui sotto


Richiesta veloce

modulo-richiesta-prodotto