Bollettino 21 giugno 2019

In primo piano questa settimana

acetamide

L'acetamide (IUPAC: etanamide) è un composto organico con la formula CH3CONH2. È l'ammide più semplice derivata dall'acido acetico. [1] È un cristallo esagonale incolore e deliquescente. L'acetamide è inodore quando è pura, ma spesso ha un odore di topo. È solubile in acqua, alcool, cloroformio, glicerolo, benzene caldo e leggermente solubile in etere. L'acetamide è combustibile e quando riscaldata fino alla decomposizione emette fumi tossici di ossidi di azoto. [2]


Scarica l'intero PDF qui sotto


In evidenza Articoli

Produzione di creme solari: dimostrazione della conformità alla guida PIC / S per GMP, PE009-13

L'amministrazione dei beni terapeutici (TGA) ha rilasciato una guida per i produttori di creme solari che devono conformarsi alla Guida PIC / S alle buone pratiche di fabbricazione dei medicinali. In Australia, molti filtri solari sono regolamentati come prodotti terapeutici a causa del loro importante ruolo nell'affrontare i problemi di salute pubblica. In quanto tali, devono conformarsi al Therapeutical Goods Act del 1989, al Therapeutical Goods Regulations del 1990 e ad ogni altro requisito normativo pertinente. I filtri solari che sono regolamentati come prodotti terapeutici ai sensi della legge sui beni terapeutici del 1989 sono indicati come "filtri solari terapeutici". In questa categoria sono inclusi:

  • filtri solari primari con SPF 4 o più
  • filtri solari secondari - ad eccezione di quelli regolamentati come cosmetici
  • filtri solari primari o secondari con SPF 4 o più che contengono un repellente per insetti

creme solari con SPF inferiore a 4 che sono esentate dall'essere elencate ai sensi del Therapeutics Goods Act 1989 perché rientrano nell'esenzione di cui all'articolo 8 (g) della Schedule 5 del Therapeutical Goods Regulations 1990. I dettagli sul quadro normativo della protezione solare terapeutica sono disponibili all'indirizzo Linee guida normative australiane per i filtri solari. Per essere elencati nell'ARTG, i filtri solari devono essere conformi allo standard australiano e neozelandese AS / NZS 2604: 2012 Prodotti per la protezione solare - Valutazione e classificazione.

http://www.tga.gov.au

Fungo che trae oro dai suoi dintorni scoperto nell'Australia occidentale

Un fungo che attira l'oro dai suoi dintorni è stato scoperto nell'Australia occidentale, scienziati sbalorditivi che affermano che potrebbe segnalare nuovi depositi. Trovato vicino a Boddington, a sud di Perth, il ceppo del fungo Fusarium oxysporum attacca l'oro ai suoi fili dissolvendo e precipitando le particelle dall'ambiente. Potrebbe esserci un vantaggio biologico nel farlo, poiché si è scoperto che il fungo rivestito d'oro cresceva più grande e si diffondeva più velocemente di quelli che non interagiscono con il metallo prezioso. "I funghi sono noti per svolgere un ruolo essenziale nella degradazione e nel riciclaggio di materiale organico, come foglie e corteccia, nonché per il ciclo di altri metalli, tra cui alluminio, ferro, manganese e calcio", il ricercatore CSIRO Dr Tsing Ha detto Bohu. "Ma l'oro è così chimicamente inattivo che questa interazione è sia insolita che sorprendente: bisognava vederlo per crederci". Bohu sta intraprendendo ulteriori analisi e modellazione per capire perché il fungo interagisce con l'oro e se è un'indicazione di un deposito più grande sotto la superficie. L'Australia è il secondo produttore mondiale di oro e, sebbene i volumi abbiano battuto i record lo scorso anno, si prevede che la produzione diminuirà nel prossimo futuro a meno che non vengano trovati nuovi depositi. Il capo ricercatore, il dottor Ravi Anand, ha affermato che l'industria sta già utilizzando foglie di gomma e termitai, che possono immagazzinare minuscole tracce d'oro, per guidare il campionamento di esplorazione. "Vogliamo capire se il fungo che abbiamo studiato ... può essere utilizzato in combinazione con questi strumenti di esplorazione per aiutare l'industria a individuare potenziali aree", ha detto Anand. Comunemente trovata nei terreni di tutto il mondo, la specie non è qualcosa che i cercatori dovrebbero cercare poiché le particelle d'oro possono essere viste solo con un microscopio.

http://www.guardian.com

Richiesta veloce